Da Gennaio 2016 le vecchie bollette lasceranno il passo alla bolletta 2.0, che promette un format più semplice, chiaro e trasparente.

Il restyling è stato avviato lo scorso anno dall’Autorità per l’energia elettrica e il gas avvalendosi anche di contributi da parte di aziende, consumatori e loro associazioni, opinion maker, giornalisti ed esperti di comunicazione. Questo ampio percorso di consultazione ha portato ad una semplificazione dei contenuti e dei termini utilizzati facilitandone la comprensione: ad esempio l’attuale voce “servizi di vendita” verrà sostituita da “spesa per la materia energia/gas naturale”, mentre i “servizi di rete” diventeranno “spesa per il trasporto e gestione del contatore”. In evidenza si troverà anche la voce “spesa oneri di sistema”, che ad oggi viene pagata all’interno dei “servizi di rete” ma non risulta evidenziata in bolletta.

Nel settore elettrico essa è costituita dagli incentivi alle fonti rinnovabili e alle imprese energivore, dai fondi necessari alla messa in sicurezza delle centrali nucleari o per la ricerca. Per approfondimento potrà consultare dal 01 gennaio in poi:

1. La pagina del nostro sito internet Domande frequenti;

2. La guida alla lettura della fattura legata all’offerta commerciale da Lei sottoscritta

3. Il glossario dei termini tecnici, rintracciabile sul nostro sito internet nella sezione modulistica e servizi

Se vorrà approfondire le diverse voci di spesa potrà, in ogni caso, richiederci gli elementi di dettaglio, ovvero le diverse pagine con la descrizione analitica delle componenti che determinano la spesa complessiva.

Gli elementi di dettaglio potrà richiederli all’ indirizzo mail sportello.clienti@lirenasgas.com

La nuova bolletta 2.0 garantirà anche una maggior chiarezza in caso di eventuali ricalcoli, ovvero i conguagli, che verranno evidenziati in un apposito box in caso di modifiche dei consumi misurati, come ad esempio errori di fatturazione.

Uno degli aspetti fondamentali della bolletta 2.0 è sicuramente il fatto che nella prima pagina della bolletta sarà indicato anche il costo medio unitario del kilowattora/standard metro cubo, come rapporto tra la spesa totale e i consumi fatturati al netto di eventuali altri oneri quali ad esempio costi di allaccio, depositi cauzionali, Corrispettivo Cmor, interessi di mora etc, e ciò faciliterà il metodo di confronto tra le diverse offerte presenti su mercato premiando quelle che risultano veramente più convenienti. Le nostre agenzie territoriali saranno a Vs completa disposizione per qualsiasi informazione, notizia e/o chiarimenti